Creazione sito internet: tips per una pagina “About” efficace

Creazione sito internet
Tempo di lettura: 7 minuti
In breve
Creazione sito internet, perché non puoi lasciarla al caso? Perché proprio nella pagina about ti giochi tutto, ed è li che devi far capire all’utente, in pochi secondi, che si trova nel posto giusto. Ma non solo, devi anche fargli capire, eventualmente anche con un video, o con lo storytelling, che può fidarsi di te e della tua azienda, che sei in grado di risolvere i suoi problemi e che lo farai meglio di tutti gli altri.

INDICE DEI CONTENUTI

Creare un sito web dal nulla è un lavoro impegnativo e se hai deciso di avere il tuo sito aziendale il consiglio è quello di non improvvisare e rivolgerti a un team di professionisti che possa fare davvero un buon lavoro. Molti imprenditori sottovalutano l’importanza che ha ogni singola pagina. Molti pensano ancora che sia sufficiente avere uno spazio sul web per migliorare il rendimento dell’azienda e che quindi l’equazione creazione sito internet uguale successo sia sempre vera. Non è così. Il sito deve essere realizzato in un determinato modo per essere funzionale ed efficace.

Creazione sito internet, non dare tutto per scontato

Il sito web aziendale ha diverse funzioni: deve, in pochi istanti, far capire agli utenti cosa l’azienda offre e perché quello che offre è migliore di quello che offrono gli altri. Sembra una cosa scontata, ma ti assicuro che non lo è. Un errore che spesso viene commesso è quello di trascurare l’importanza della pagina about, quella pagina che in pochi secondi – l’attenzione media di un utente sul web è di circa 9 secondi – deve dire tutto dell’azienda.

Tanti pensano che sia sufficiente mettere giù due righe dove si descrive l’attività aziendale. Quante volte ti è capitato di cercare qualcosa sul web e di imbatterti in una pagina about dove l’azienda veniva descritta come leader in quel settore, la migliore di, i migliori prodotti e così via? Ora cerca di ricordare la sensazione che hai provato davanti a quelle parole. Ti hanno ispirato fiducia o hai dovuto cercare altri riferimenti che ti hanno poi convinto, o meno, a fare un acquisto?

Cos’è una pagina about e perché è fondamentale

Sebbene da molti sia trascurata, la pagina about, se preferisci il “Chi siamo”, è fondamentale. Ricordati che devi sempre pensare come pensa un utente che sta cercando sul web la soluzione ai suoi problemi. Se atterri sul sito di un’azienda dopo aver cercato, per esempio, biciclette da donna, vuoi capire subito se sei finito sul posto giusto.

Allo stesso modo gli utenti che arrivano sul tuo sito vogliono capire se puoi risolvere il loro problema. Ecco perché avere una buona pagina about significa avere più possibilità di conversione, quindi di vendita.

Creazione sito web, attenzione: un utente vuole capire fin da subito se fai al caso suo, quindi se sei una multinazionale o una piccola realtà locale, da quanto tempo operi sul mercato, quali sono i tuoi valori e, soprattutto, se hai già aiutato con successo altri utenti col suo stesso bisogno.

Nella pagina del chi siamo ti giochi una grossa percentuale di successo. L’utente che atterra sul tuo sito è un potenziale cliente, in poche righe devi convincerlo che si trova nel posto giusto e che può fidarsi di te e della tua azienda.

Rispondi alle esigenze dei tuoi potenziali clienti

La pagina about non riguarda solamente la tua azienda. Non è uno spazio dove elencare tutte le sue/tue competenze in modo freddo e asettico perché questo alla gente non interessa, e del resto lo fanno tutti.

Torniamo all’esempio di prima. Se cerchi una bicicletta per donna e atterri su due siti di due diverse aziende, ma entrambe dicono di essere le migliori del settore, su cosa basi la tua scelta? Molto probabilmente la discriminante sarà il prezzo. Però non si può sempre giocare al ribasso.

Quello che devi capire è che la pagina about ti consente di portare traffico organico al tuo sito e ti permette di vendere bene il tuo prodotto o servizio, a patto che giochi bene le tue carte.

In questa pagina devi comunicare agli utenti che la tua azienda è in grado di risolvere il loro problema, ma non solo, è in grado di farlo meglio degli altri. Questo però non puoi comunicarlo solamente a parole. Ritorniamo al punto di prima dove tutti dicevano di essere leader del settore. Come fa un’utente a fidarsi di te se non ti conosce?

Non può, devi essere tu a coinvolgerlo passo dopo passo fino al punto in cui sarà certo che tu e la tua azienda siete la soluzione migliore al suo bisogno.

Come fare una pagina about che funziona

Per fare una pagina about che funziona davvero devi farti delle domande. Devi chiederti a chi ti stai rivolgendo, quindi qual è il tuo target. Cosa stai promettendo al tuo potenziale cliente, sei in grado di accontentarlo? Qual è il tuo obiettivo finale? Una volta che hai in testa questi punti, puoi iniziare a strutturare la tua pagina about e di conseguenza il resto del sito.

Creazione sito internet

Cosa si deve mettere quindi in questa pagina di presentazione? Ovviamente devi mettere in risalto i valori dell’azienda e le cose che offre, ma è importante soprattutto come comunichi tutto questo.

Devi saper raccontare in modo coinvolgente la storia dell’azienda, i suoi valori, la sua mission, in modo da attirare fin da subito l’attenzione del lettore per poi condurlo verso il compimento dell’azione. Una tecnica molto interessante è quella dello storytelling che coinvolge l’utente con un racconto, una storia, che riguarda la tua azienda.

La cosa fondamentale è che spieghi quello che puoi fare e per chi puoi farlo. Questo deve essere chiaro, possibilmente fin dal titolo della pagina, per questo è importante sapere come scrivere una mission aziendale e la sua vision.

Il lettore deve sapere fin dalle prime righe che tu puoi aiutarlo, che puoi migliorare la sua vita accontentando i suoi bisogni.

Una volta che l’utente ha chiaro questo, non è detto però che sia pronto a fare un acquisto. Magari ha ancora dei dubbi, perché sì, è vero, la tua azienda può risolvere il suo problema, ma come fa a fidarsi se non ti conosce?

Devi creare empatia, e lo storytelling in questo senso ti può essere di grande aiuto.

Tempo fa io e mia moglie cercavamo una baby sitter. Avevamo entrambi un impegno di lavoro e non potevamo portare il bambino con noi. L’unica soluzione possibile era quella di trovare qualcuno che badasse al piccolo, che allora aveva un anno.

In fin dei conti dovevamo mancare da casa solo per qualche ora, ma il bambino non era mai rimasto con degli estranei. Eravamo titubanti, abbiamo perfino pensato di rinviare l’impegno di lavoro.

Poi ci siamo messi a fare delle ricerche. Ricordo ancora che era una serata di quelle un po’ fosche, con un brutto vento che ti metteva ancora più ansia.

Mia moglie era molto preoccupata, l’idea di lasciare il bambino non le piaceva proprio. Chiesi ad alcuni amici se conoscessero qualche persona fidata.

Fortunatamente una coppia di amici ci fece il nome di una ragazza, una studentessa universitaria, laureanda in medicina. La contattammo e dopo una lunga chiacchierata al telefono sentimmo di poterci fidare.

Perché è questo che muove tutto, la fiducia.

Vedi, ti ho raccontato una mia storia e ora mi conosci un po’ meglio. Devi fare la stessa cosa con i tuoi potenziali clienti.

Come devi esprimere i tuoi valori e la tua mission

Ora vediamo le cose da un punto di vista un po’ più tecnico.

  • Linguaggio: il linguaggio che usi deve essere chiaro e semplice. Nessuno vuole passare ore a leggere l’elenco delle qualità di un’azienda, né tanto meno a decifrare concetti lunghi e contorti. Poche parole, ma efficaci.
  • Struttura del contenuto: immagina di cercare qualcosa sul web e di trovare davanti a te un muro di parole. Senti già la sensazione di claustrofobia? Ecco, chiunque davanti a tante parole si sente così. Il tuo contenuto deve essere strutturato in modo piacevole per il lettore. Devi scrivere frasi brevi e lasciare degli spazi bianchi, come le strisce frangifuoco sulle colline. Ampi spazi bianchi che riposano la vista.
  • Utilizza il grassetto per mettere in evidenza concetti chiave, ma senza abusarne o otterrai l’effetto contrario: distogliere l’attenzione dell’utente.
  • Inserisci link a portali o giornali di settore, ma anche qui non esagerare.
  • Immagini: le immagini sono importanti, lo sono per la pagina about e lo sono per tutto il sito. Cerca delle belle immagini che esprimano i valori dell’azienda. Ti consiglio di “metterci la faccia”, agli utenti piace più avere a che fare con una persona che non con un’entità astratta, non sei il Mago di Oz, sei una persona in carne e ossa, fatti conoscere dall’utente, si sentirà più coinvolto.Sempre a tale scopo puoi inserire una foto del tuo team, che sia di gruppo o che siano immagini singole degli elementi chiave della tua azienda, l’importante è che l’utente veda che dietro al brand ci sono delle persone.
  • I colori. Sai perfettamente che nel marketing ogni colore ha un suo significato. Scegli un colore adatto all’azienda, per esempio il verde è perfetto per chi vende prodotti ortofrutticoli, e fai in modo che il sito riporti il colore aziendale. In questo modo la tua azienda sarà riconoscibile.
  • Video: i video stanno spopolando negli ultimi tempi. Si tratta infatti di un mezzo di comunicazione semplice, di facile decodificazione, e che non comporta un grande dispendio di attenzione da parte dell’utente. Puoi inserire un breve video che descriva l’attività dell’azienda, ma anche che riporti i feedback di chi è già tuo cliente. A tale proposito devo spendere due parole.

I feedback dei clienti

Per acquisire la fiducia di un nuovo cliente non c’è niente di più forte della testimonianza di chi cliente lo è già. Puoi raccogliere le testimonianze in una sezione apposita e decidere se mettere testimonianze scritte o video. Ricorda che i tuoi clienti sono i migliori testimonial per la tua azienda.

Ottimizzazione e invito all’azione

Un buon sito non deve solo essere ben strutturato, un buon sito deve essere ottimizzato in ottica SEO, perché essere presenti è importante, ma farsi trovare lo è ancora di più. Qui ti serve un lavoro professionale, contattaci per saperne di più.

Un’altra cosa che non può mancare è l’invito all’azione, ovvero la call to action, CTA. Essere coinvolgente e catturare l’attenzione del potenziale cliente non basta, devi dargli un input per compiere l’azione. Lo devi guidare. Una buona call to action con un link al modulo contatti, un pulsante per l’iscrizione alla newsletter, ma anche i numeri di telefono, sono importantissimi.

Un’organizzazione coerente e una buona navigabilità anche da mobile sono le chiavi del successo per un sito aziendale.

Davide Venturini

Specializzato in strategie di web marketing e Lead Generation per Studi Professionali. Imprenditore Digitale e Consulente SEO.

Altri contenuti

1 Commento
Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *